Lambrusco il vino italiano più venduto all'estero

Lambrusco: per qualcuno è il migliore, altri non lo considerano nemmeno vino, eppure questo prodotto enologico tipico della pianura padana, soprattutto nelle province contigue di Modena, Reggio Emilia, Parma e Mantova è il vino italiano maggiormente esportato, con picchi costanti di aumento delle vendite soprattutto negli USA, Europa, Russia, Brasile e, ora, anche Cina.

Il Lambrusco è quasi un’istituzione nelle terre lungo il Po dove il maiale regna sovrano e questo vino rosso frizzante è perfetto da abbinare (e per meglio digerire) i vari prodotti dell’eccellenza prodotti con le carni dello stesso.

Mario Soldati, che di cucina se ne intendeva eccome, un giorno definì il Lambrusco come “l’umile Champagne dell’Emilia-Romagna”, mentre Luciano Pavarotti ne decantava le qualità paragonandolo ad “uno spumante selvaggio e ineducato”.


Contatti per info Delta del vino

 


Una rivincita vera e propria per questo storico vino, particolarmente apprezzato dagli antichi romani, e letteralmente massacrato da esperti ed intenditori che lo avevano addirittura vergognosamente etichettato come “Coca Cola d’uva”.

Oggi le cose sono cambiate e non poco ad incominciare dalla qualità e dal marketing. Ci troviamo di fronte ad una situazione di prodotto fresco e piacevole, ottimo per ogni palato ed età.

Il Lambrusco del XXI secolo è un vino fresco e fruttato, di basso tenore alcolico con aspetti organolettici esaltati e armonizzati dalla sua principale caratteristica, ovvero di essere naturalmente frizzante.

E poi piace perché è facilmente abbinabile a qualunque cibo. Ma piace, anche, perché è un vino delle tradizioni contadine e c’è chi, per fortuna, lo serve ancora nelle tradizionali scodelle di ceramica bianca dove il frizzare imperioso e la “macchia” lasciata sulla ceramica sono garanzia di genuinità e di qualità.

D’altronde dopo una passeggiata nelle nebbie autunnali cosa c’è di meglio che sedersi ad un vecchio tavolo di un altrettanto vecchia osteria per gustarsi un piatto di bolliti con salse e mostarda sorseggiando del buon Lambrusco, come faceva anche Giuseppe Verdi?

Scopri qui Pianteda, il Lambrusco dell’Emilia IGP della selezione Delta del Vino

Category

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.