Notizie Utili

L’unione fa la forza: nasce un nuovo gemellaggio tra Chianti Classico e Champagne

Ci sarà nelle prossime settimane la storica firma che sancirà il gemellaggio tra due tra le più importanti Denominazioni del mondo enologico: Chianti Classico e Champagne. E verrà fatto nel segno dell’Unesco dove lo Champagne è già considerato Patrimonio dell’Umanità con i Coteaux Maison et Caves de Champagne, mentre il Chianti Classico è sulla buona strada per ottenere l’ambitissimo riconoscimento. Con questa firma di intese si gettano le basi per una importante collaborazione su più fronti, così come ha annunciato Sergio Zingarelli, Presidente del Consorzio del Vino Chianti Classico, mentre effettuava lo scambio simbolico tra bottiglie di Gallo Nero e bollicine francesi assieme al ceo del Comité Champagne Vincent Perrin avvenuto nel maestoso Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze. “Sta nascendo una collaborazione tra eccellenze, il Chianti Classico e una delle zone di produzione più importanti al mondo: lo Champagne” ha affermato Zingarelli al fianco di Perrin, aggiungendo che “stiamo studiando il protocollo di collaborazione che firmeremo nelle prossime settimane dove punteremo su vari fattori: dalle politiche di governance dei due territori alla tutela dei nostri nomi e marchi a livello mondiale. Su questo lo Champagne ha molto da insegnarci e si aggiungeranno scambi culturali e di esperienze e, probabilmente, faremo assieme anche campagne di comunicazione per affiancare le due eccellenze della produzione vinicola francese ed italiana nel mondo”. Non a caso questa presentazione è avvenuta a Firenze, notoriamente già Patrimonio dell’Unesco, che nel 1954 ha stretto un gemellaggio con Reims, una delle celebri capitali dello Champagne. Anche il Ministro Maurizio Martina, attraverso un videomessaggio trasmesso durante l’evento, si è detto particolarmente soddisfatto di questo futuro gemellaggio promettendo un grande impegno nella candidatura del Chianti a Patrimonio dell’Unesco. “Atto doveroso che possiamo fare insieme per rappresentare al massimo livello una storia di eccellenza come quella del Chianti. Prendersi questo impegno per celebrare i 300 anni di questa esperienza è una bella scommessa sul futuro che dobbiamo vincere insieme”.

Scopri i migliori vini, CHIAMA