Notizie Utili

In Russia non ci andiamo col calcio ma vinciamo col vino

L’imminente Campionato Mondiale di Calcio che si svolgerà in terra russa non vedrà tra le protagoniste la nostra Nazionale, ma a trionfare all’ombra del Cremlino ci sono i vini italiani che si sono aggiudicati l’ambito trofeo rappresentato dall’essere un terzo di tutte le importazioni russe. Un mercato, tra l’altro, fondamentale in chiave strategica in quanto vetrina e porta verso l’Est dell’Europa e quell’Asia che, sempre di più, si sta avvicinando al mondo enologico. Un mercato, tra l’altro, che si sta riprendendo dalla crisi economica e che sta reagendo in modo positivo e a conferma di tutto ciò possiamo evidenziare il valore positivo riferito alle importazioni di vino che da gennaio a novembre 2017 fanno segnare un +12,2% in quantità e ben un +37,6% in valore rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente con circa 780 milioni di euro per 3,9 milioni di ettolitri di vino che è arrivato sulle tavole dei cittadini russi. Questi numeri, già di per sé molto positivi, lo sono ancora di più se li guardiamo lato Italia poiché la crescita delle nostre esportazioni verso Mosca è la vera locomotiva trainante con un + 37,9% in quantità e +41% in valore. Numeri decisamente importanti che certificano come l’Italia sia il primo partner commerciale anche se non deve vivere sugli allori e concretizzare l’ottimo lavoro finora svolto poiché sul secondo gradino di questo podio delle esportazioni troviamo gli storici concorrenti francesi che fanno segnare un + 35,1% di quantitativi esportati pari a un + 38% del valore economico. Ad aiutare, e non poco, il vino italiano è la ristorazione che vede i consumatori russi prediligere la cucina italiana con – ovviamente – un maggior consumo di prodotti Made in Italy quando si tratta di riempire i bicchieri. Guardando nei dettagli sono i nostri spumanti a dare grandi numeri con l’import totale che vale 118 milioni di euro (+39,9%) per 279.000 ettolitri (+31,2%) ad un prezzo medio pari a € 4,25 al litro. Anche i vini rossi DOP sono particolarmente graditi dai consumatori russi con i vini toscani sul podio seguiti dai piemontesi in netta crescita e i veneti che seguono ma che hanno nei loro bianchi il proprio fiore all’occhiello.

Insomma ai Mondiali di Calcio vinca il migliore, nel vino ci siamo noi italiani.

[ccf_form id=”859″]

Scopri i migliori vini, CHIAMA