Notizie Utili

Il prelibato Bianco di Gambellara D.O.C.

Nel Veneto, al confine tra le province di Verona e Vicenza e al limitare della valle del Chiampo che si apre verso le piccole Dolomiti, c’è una fetta di territorio di origine vulcanica, morbidamente collinosa che si eleva tra i 250 e 350 m.s.l.m., composta da verdi piccole valli attraversate da corsi d’acqua. Questo territorio, se lo vogliamo vedere sotto un aspetto geologico, è fatto da suoli basaltici che si manifestano principalmente da una composizione a base di tufi terrosi e friabili che, grazie al loro elevato contenuto minerale e alla naturale fertilità, sono l’ideale per la coltivazione della vite. Queste caratteristiche del terreno regalano ai vini prodotti in questo territorio quel particolare accento che, negli anni, ne è diventata la caratteristica principale. In circa mille ettari di area coltivata, per lo più in zona collinare, viene coltivata l’uva Gargànega, d’antica origine greca e quasi un esclusiva del Veneto occidentale, dalla quale si traggono vini bianchi, asciutti e passiti di qualità eccezionale. Tra questi vini, oltre al Gambellara Vin Santo e al Gambellara Recioto possiamo trovare il Gambellara D.O.C. ottenuto, come gli altri, con il 100% delle uve Gargànega. Questo prodotto tipico della terra vicentina si presenta con un colore giallo paglierino tenue e dal profumo fresco e delicato, di medio corpo e giusta acidità. Il Gambellara D.O.C. è un vino particolarmente adatto come aperitivo, per aprire un buon pranzo o cena, oppure è consigliatissimo per antipasti di mare, primi piatti come risotti e ideale col piatto tipico della zona, il Baccalà alla Vicentina. Si abbina altrettanto bene con uova e asparagi e col capretto allo spiedo. La temperatura di servizio ideale è di 10-12° C in calici da vino. Un vino tutto da gustare da soli o in piacevole compagnia.

Scopri i migliori vini, CHIAMA