Notizie Utili

A volte vale più la bottiglia del contenuto

Lo sappiamo tutti molto bene, il vino è un’arte. Ma in alcuni casi, diciamo rarissimi, la bottiglia può valere ancora più del suo contenuto. Sembra un eufemismo pensare che una comune bottiglia di vetro, anche se magari dalla linea perfetta, possa avere un valore superiore al suo contenuto, ma è accaduto pochi giorni fa a New York – e più precisamente nella famosissima sala d’aste Christie’s – dove nella sua “Impressionist & Modern Art Evening Sale” la celebre bottiglia creata dal pittore surrealista belga René Magritte dal titolo “Femme-Bouteille” è stata battuta alla considerevole cifra di 725.000 dollari. L’opera del geniale pittore rappresenta un nudo di donna dipinto ad olio su di una bottiglia vuota di Bordeaux nel periodo tra il 1940 e 1941. Non è solamente una stranezza da assoggettare a Magritte che utilizzò questo stratagemma poiché in quel periodo la tela era veramente merce rara e tanti pittori, tra cui persino Picasso, iniziarono ad utilizzare altre forme di supporto per le proprie opere in sostituzione della consueta tela. Ovviamente prima di giungere all’attuale ricco proprietario quest’opera è passata tra le mani di altri proprietari, tra cui spiccano i nomi dei pittori Paul Delvaux, anch’egli surrealista, che la dono a Olivier Picard che a sua volta la regalò al celebre sarto inglese Hardy Amies. Femme-Bouteille sfrutta le sinuose rotondità della bottiglia alla quale l’artista belga, con un magistrale gioco di luci e ombre, regala e ne sottolinea l’illusione che segue l’idea surrealista di prendere un oggetto comune e trasformarlo in quello che non è.

Ecco che, allora, è possibile che una bottiglia riesca ad essere ben più preziosa del suo contenuto. Ma tutto questo è e rimane arte.

Scopri i migliori vini, CHIAMA