Dalle pendici del Vesuvio il Lacryma Christi Rosso D.O.C.

Dalle pendici del Vesuvio il Lacryma Christi Rosso D.O.C.

Lacryma Christi: già il nome ci porta nella leggenda e nella storia del vino. Non a caso i vini del Vesuvio erano noti ai tempi dei Romani e si narra che Bacco amasse queste colline più delle native colline di Nise. Esistono vari miti e leggende sul nome del vino, una che furono le lacrime di Dio, riconoscendo nel Golfo di Napoli un lembo di cielo strappato da Lucifero mentre cadeva negli inferi, a creare la vigna; un’altra che Gesù dopo aver visitato un eremita redento gli abbia trasformato la sua orrida bevanda in eccellente vino. Leggende a parte quello che rimane certo è che il Lacryma Christi rientra nella Denominazione di Origine Controllata (il celebre D.O.C.) dal 1991 ed è il vino più rappresentativo di questa zona campana, particolarmente vocata alla produzione di questo celebre vino grazie ai terreni vulcanici ricchi di ginestre, fichi d’india e pini marittimi. L’azienda che produce questo Lacryma Christi Rosso della selezione Delta del Vino si trova nel cuore del parco Nazionale del Vesuvio, in un territorio di poco più di due ettari di terreno che godono di una splendida vista sul golfo di Napoli. Un’azienda a conduzione famigliare che fin dal XVIII Secolo è dedita alla coltivazione e alla produzione del vino in maniera del tutto esclusiva, elevandolo a prodotto di alta qualità. Il Lacryma Christi Rosso è prodotto con una prevalenza del 75% di uve piedirosso, mentre la restante percentuale è suddivisa da aglianico (10%) e l’antica varietà locale scianscinoso (15%). La raccolta delle uve si basa sull’andamento stagionale, cercando di aspettare il raggiungimento di una buona maturità fenolica in modo da poter effettuare macerazioni di 10/12 giorni, ottenendo un colore rosso intenso e vivo, ed un ricco tannino, ma poco aggressivo. Segue un affinamento di 12 mesi in tenneau, per conferire al vino un carattere deciso, che però non preclude una certa freschezza al palato, mentre al naso vengono subito percepiti sentori di frutti di bosco. È un vino che si accompagna alla perfezione con la cucina napoletana e soprattutto, essendo un vino di corpo, a paste e polente con sughi di carne e pomodoro, carni rosse, selvaggina, formaggi di buona o media stagionatura e, anche, con alcuni pesci come il baccalà in cassuola o seppie al pomodoro. Uve Piedirosso (75%), Aglianico (10%), Scianscinoso (15%) Colore Rosso rubino Profumo gradevole, profuma di frutta rossa e talvolta di spezie Sapore secco e con aroma armonico, complesso e corposo Gradazione alcolica 12,5%. Abbinamento Ideale con paste e polente a base di sughi rossi e di carne, carni rosse, selvaggina, formaggi stagionati, baccalà e seppie al pomodoro. Temperatura di servizio temperatura ambiente, è consigliato aprirlo 2 ora prima della degustazione CONTATTACI PER INFO E ACQUISTI Contatti Per tutte le informazioni sulle selezioni Delta del Vino compila la form oppure inviaci una email a: rastelli@deltadelvino.com * Nome * Cognome Città * Email Telefono Il Tuo Messaggio *...

Read More

Grecanico di Sicilia IGT

Grecanico di Sicilia IGT

Indicazione Geografica Tipica Descrizione Il vitigno Grecanico sembra essere stato introdotto in Sicilia dalla Grecia. Prima dell’avvento della fillossera il Grecanico si poteva trovare nelle provincie di Trapani,Catania, Caltanissetta, ma in seguito si è diffuso maggiormente in quella di Trapani. Del vitigno Grecanico si conoscono due cloni, uno a grappolo spargolo, diffuso nel trapanese ed un altro a grappolo serrato, meno diffuso e presente in prevalenza nella Sicilia occidentale. Presenta alcune affinità aromatiche con il Sauvignon, ma questo non implica alcuna affinità di tipo genetico. La Sicilia è certamente la regione italiana che ha subito in questi ultimi anni le più imponenti modificazioni per quanto riguarda l’enologia. Se si pensa che la produzione d’uva da vino dell’isola da sola rappresenta più del 20% del totale italiano si può ben capire quale influenza ciò abbia avuto nel mondo del vino. Ed in effetti ormai quasi tutte le importanti aziende del “continente” hanno ormai messo radici in Trinacria, portando esperienza ed una “forma mentis” più moderna ma approfittando d’altro canto delle invidiabili caratteristiche podologiche, climatiche e varietali che l’isola offre. Frutto della nuova brezza tonificante che spira in Sicilia è certo questo bianco, figlio di un nobile vitigno autoctono locale, vinificati sapientemente, con l’ausilio di moderne tecnologie di cantina, tra cui certamente la più importante è quella del freddo. L’abbassamento termico delle uve provenienti dalle assolate campagne mediante scambiatori o anche grazie alla vendemmia notturna nonché il controllo della temperatura di fermentazione, portano a risultati prima insperati, regalando vini fruttati e ricchi in profumi, sebbene grassi e complessi, caratteristiche queste tipiche per quelle plaghe. Adatto ad accompagnare l’intero pasto, si esalta comunque con portate di pesce di mare, dai tranci di tonno o pesce spada cotti alla griglia o in padella ai fritti misti di mare. Ottimo anche con formaggi teneri e verdure alla griglia, come le melanzane o i peperoni va servito fresco, intorno ai 10° C. Vitigno Grecanico 100% Zona di produzione Sicilia Contenuto alcolico 11,5 % vol. Invecchiamento è un bianco da consumare giovane Colore giallo paglierino, Profumo fine, con sentori agrumati e di miele. Sapore Asciutto Accostamento gastronomico Vino particolarmente indicato con piatti a base di pesce. Da servire preferibilmente ad una temperatura di 10° C. CONTATTACI PER INFO E ACQUISTI Contatti Per tutte le informazioni sulle selezioni Delta del Vino compila la form oppure inviaci una email a: rastelli@deltadelvino.com * Nome * Cognome Città * Email Telefono Il Tuo Messaggio *...

Read More

Falanghina Beneventano IGT

Indicazione Geografica Tipica Descrizione Santacosta è una cantina dell’areale di Torrecuso, Comune in provincia di Benevento, terra a tradizionale vocazione vitivinicola rinomata per l’Aglianico. L’Azienda, da quarant’anni, si dedica alla vinificazione di uvaggi tipici tra cui spicca la Falanghina, vitigno in gran voga ai tempi dei romani, caduto poi nel dimenticatoio a vantaggio di varietà internazionali ed ora finalmente riscoperto e valorizzato. Sarebbe stato invero un peccato, di cui noi italiani ci macchiamo purtroppo troppo spesso, non spingere un prodotto autoctono, unico e con tali e tanti legami col territorio e la Storia, con la S maiuscola. Bianco ideale per accompagnare portate di pesce, dal sautè di vongole veraci all’impepata di cozze, dal risotto allo scoglio alle mille versioni della zuppa di pesce, ben si adatta anche ad un altro tipico prodotto della zona, la succulenta mozzarella di bufala. Servire a 10° C circa. Vitigno Falanghina 100 % Zona di produzione Campania (zona Sannitica, provincia di Benevento) Contenuto alcolico 12,5 % vol. Invecchiamento Bianco da consumarsi preferibilmente nel primo anno di vita. Colore Bianco paglierino carico Profumo Floreale, lievemente aromatico, fragrante. Sapore Pieno, lungo, armonico. Accostamento gastronomico Ideale con pesci in genere. Va servito a temperatura tra gli 8° e i 10° C. CONTATTACI PER INFO E ACQUISTI Contatti Per tutte le informazioni sulle selezioni Delta del Vino compila la form oppure inviaci una email a: rastelli@deltadelvino.com * Nome * Cognome Città * Email Telefono Il Tuo Messaggio *...

Read More

Barbera d’Asti DOCG

Denominazione di Origine Controllata e Garantita Descrizione Il vitigno Barbera è, tra quelli a bacca rossa, il più diffuso e rappresentativo dell’enologia piemontese, tanto da contare 3 denominazioni ad esso dedicate (Alba, Asti e Monferrato) nonché almeno altre dieci in cui compare come tipologia a se stante. Nell’Astigiano comunque questo vitigno la fa da padrone ormai da secoli, tanto da aver conquistato recentemente la massima denominazione DOCG, essendosi trasformato col tempo in un rosso più impegnativo grazie a molti accorgimenti durante la coltivazione (basse rese per ettaro, raccolta a perfetta maturazione delle uve), la vinificazione e la maturazione (un congruo passaggio in legno medio-piccolo per addomesticarne il vigore e la potenza propri della giovine età), dalla gradazione importante, certamente più appagante e longevo poi, una volta imbottigliato. Rosso da tutti i giorni per chi ama vini mediamente complessi e strutturati, ama accompagnarsi a primi conditi con sughi saporiti ai funghi o salsiccia, lasagne, seconde portate a base di carne, tra cui spiccano quelle suine cotte alla brace o al forno, formaggi mediamente stagionati anche leggermente piccanti. Servire intorno a 18° C avendo cura di stappare la bottiglia con almeno un’ora di anticipo rispetto al servizio. Vitigno Barbera Zona di produzione Piemonte (Asti) Contenuto alcolico 12,5 % vol. Invecchiamento In vasche di acciaio più alcuni mesi di affinamento in bottiglia. Colore rosso intenso. Profumo Profumo di frutta matura su fondo di spezie. Sapore Gusto pieno, piacevole ed elegante, di buona persistenza. Accostamento gastronomico minestre asciutte, umidi, brasati, arrosti di carni rosse e formaggi fermentati. Da servire preferibilmente ad una temperatura di 18° C CONTATTACI PER INFO E ACQUISTI Contatti Per tutte le informazioni sulle selezioni Delta del Vino compila la form oppure inviaci una email a: rastelli@deltadelvino.com * Nome * Cognome Città * Email Telefono Il Tuo Messaggio *...

Read More