Zuppa di Cipolle, una prelibatezza della cucina francese

Zuppa di Cipolle, una prelibatezza della cucina francese

Piatto tipico dei “cugini” d’oltralpe ma che rientra, assolutamente, nelle tradizioni culinarie italiane, in quanto piatto povero che si è arricchito nelle sue evoluzioni. La zuppa di cipolle nasce, come tantissimi, per recuperare i pochi avanzi della tavola ed è un piatto di facile preparazione, caldo, confortevole e di semplice preparazione. Delta del Vino vi propone questa ricetta consigliandovi di fare attenzione alla scelta degli ingredienti, soprattutto del formaggio groviera che dev’essere di buona qualità. Per il resto tutto molto semplice, vi consigliamo – per evitare di piangere nell’affettare le cipolle – di tagliarle a metà e lasciarle immerse in acqua fredda per 10 minuti avendo la premura di eliminare la parte centrale che da un sapore troppo forte al piatto e indigesta per alcune persone. Ecco gli ingredienti necessari per preparare 4 gustosissime porzioni: 500 g. di cipolle bianche 500g di brodo di carne o vegetale 2 cucchiai di farina 1 cucchiaino di zucchero ½ bicchiere di vino bianco secco 50 g. di formaggio gruviera grattugiato 1 foglia di alloro (facoltativa) timo fresco olio extravergine di oliva 1 noce di burro pane casereccio a fette Per realizzare questo piatto iniziate ad affettare finemente le cipolle e fatele stufare dolcemente in una casseruola con burro e olio per 20/25 minuti. Dovranno assumere un colore quasi trasparente e dovrete tenerle mescolate spesso per evitare che si attacchino al fondo. A questo punto unite la farina e lo zucchero mescolando per circa 2 minuti fino a quando la farina non avrà perso il colore. Sfumate con il vino bianco secco e lasciatelo evaporare prima di aggiungere il brodo ben caldo, il timo e – volendo – l’alloro. Il brodo, rigorosamente fatto in casa, è previsto di carne, ma si può utilizzare anche un brodo vegetale a base di sedano, carota e cipolla. Regolate di sale e pepe e portate il composto ad ebollizione mantenendo il fuoco molto basso. Coprite e lasciate cuocere per almeno 1 ora mescolando di tanto in tanto. Quando la zuppa è pronta trasferitela nelle apposite cocotte di coccio individuali, mettete le fette di pane, precedentemente tostate, sopra al composto e una generosa spolverata di formaggio gruviera grattugiato. Passate i recipienti in forno ben caldo (180°) sotto al grill, in modo che il formaggio si fonda alla perfezione e si formi una bella crosticina croccante. Sfornate e aggiungete un filo di olio, qualche fogliolina di timo e una spolverata di pepe a piacimento e servite ben caldo. Come vino da abbinare c’è chi consiglia un bianco profumato come il Sauvignon, noi opteremmo per un buon vino toscano e corposo come il Chianti DOCG oppure un buon Merlot Grave del Friuli DOC, che potete trovate tra le selezioni Delta del Vino. Come sempre ricordiamo che potete contattarci per ulteriori informazioni allo 0521 980 161 oppure scriverci una email ai recapiti che trovate qui sotto. Contatti Per tutte le informazioni sulle selezioni Delta del Vino compila la form oppure inviaci una email a: rastelli@deltadelvino.com * Nome * Cognome Città * Email Telefono Il Tuo Messaggio *...

Read More

Chiamatelo Barbecue o “alla brace” poco importa, ma la vostra fiorentina cuocetela come si deve

Chiamatelo Barbecue o “alla brace” poco importa, ma la vostra fiorentina cuocetela come si deve

Barbecue –BBQ all’americana – o grigliata è solo un nome che ci dice come verrà cotta la nostra fiorentina. Quello che è veramente importante è come la cuocete, senza rischiare di rovinare un nobile pezzo di carne che, se correttamente cucinato, potrà regalarci emozioni a non finire. Sono diverse le tecniche e le teorie su come cuocere una buona fiorentina, chi preferisce le braci ardenti, chi utilizza la piastra. Alcuni punti fondamentali – però – valgono per tutti. Il primo è, senza dubbio, quello di togliere la vostra “bisteccona” dal frigorifero almeno 4 ore prima, in modo che la stessa non subisca uno shock termico rischiando di lessarsi invece di fare quella deliziosa crosticina che impedirà ai preziosi succhi di uscire. Molto utile in questi momenti avvolgere la carne in carta assorbente per togliere quell’umidità esterna che renderebbe imperfetta la prima scottatura. Ma come la cuociamo una volta arrivato il momento di porla sulla griglia o sulla piastra? Qui iniziano le differenze; c’è chi dice la brace – che deve essere prodotta con un 70% di combustione di legno e 30% di carbonella – e quando le fiamme spariscono si posiziona la bistecca sulla griglia posizionata tra gli 8 e 12 cm dalle braci, e c’è chi dice che la cottura migliore è su una piastra precedentemente portata a temperatura. Ora prendiamo il pezzo di carne che deve essere almeno 1.600 g di peso e mettiamola a cuocere, ma come la mettiamo? Delta del Vino vi consiglia di metterla subito in piedi, appoggiata sull’osso in modo che il calore tenda a salire attraverso di esso scaldando la carne al suo interno. Lasciatela in questa posizione per almeno 4 minuti, poi coricatela – attenzione a non bucarla – per altri 6/7 minuti per parte. Per determinare la corretta cottura lo strumento più idoneo è certamente un termometro a sonda che vi darà l’esatta temperatura al cuore della vostra fiorentina. Se la volete al sangue, ovvero quella più consigliata dagli intenditori, la temperatura dovrà essere di 55° C, 62-65° per cottura media e 75° per averla ben cotta, potremmo aggiungere quasi rovinata, però. Alla fine lasciatela riposare per qualche minuto prima di tagliarla, quindi potrete aggiungere un po’ di sale e pepe e – se volete – un filo d’olio di oliva. Alcuni semplici gesti che vi permetteranno di avere un risultato ottimale per gustare qualcosa di veramente speciale. Come abbinamento con vini non c’è che l’imbarazzo della scelta, da un classico Chianti toscano, un Rosso Nobile di Montepulciano o un Lacryma Christi del Vesuvio per stare sui vini rossi, ma una bella scommessa è anche un gustosissimo Gewürztraminer che valorizzerà il sapore della carne. Buon appetito! Contatti Per tutte le informazioni sulle selezioni Delta del Vino compila la form oppure inviaci una email a: rastelli@deltadelvino.com * Nome * Cognome Città * Email Telefono Il Tuo Messaggio *...

Read More

Vino rosso, arriva l’estate perché non berlo fresco?

Vino rosso, arriva l’estate perché non berlo fresco?

Sta arrivando l’estate e, come da consuetudine, è in calo la vendita dei vini rossi a favore di quelli bianchi (sia fermi che spumanti) di norma preferiti poiché bevuti freschi. Ma è giusto tralasciare il gusto di un buon rosso solo perché c’è caldo? Un consumo consapevole e, soprattutto, una corretta degustazione ci permettono, invece, di poter continuare a soddisfare il nostro palato con il vino rosso bevuto ad una temperatura giusta di 16°, che sono quelli che corrispondono ad un vino conservato in una cantina e che gli permettono di mantenere profumi ed aromi. Persino il Consorzio del Chianti ha messo in atto una nuova iniziativa, denominata #chiantigustalofresco con lo scopo di istruire gli appassionati alle corrette modalità per gustarsi un buon Chianti e per aumentare le vendite dei vini rossi (ovviamente prediligendo il Chianti) nel periodo estivo. Quindi sfatiamo questo pregiudizio e scopriamo un nuovo modo di “bere rosso”, fresco, giovane, stile aperitivo oppure ospite principale di una cena, perché il piacere di un calice di vino rosso non ce lo possiamo negare mai. Nemmeno a...

Read More

A Pasqua il vino è d’obbligo

A Pasqua il vino è d’obbligo

“Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi”. Comunque la pensiate le festività pasquali sono sempre una scusa per mettersi a tavola. Sia una forma per riunire la famiglia o per stare con gli amici, a casa, al ristorante o, complice la primavera, in un verde prato a fare un B-B-Q la due giorni che sta per arrivare prevede, quasi fosse un obbligo molto italiano, un grande “abuso” di cibarie molto caratterizzato dalla regionalità. Ovviamente il vino non può essere da meno e dallo spumante al passito sono veramente tantissime le bottiglie che si affacciano sulle nostre tavole. È pressoché impossibile dare indicazioni su quali vini consigliare, potremmo – anzi – invitarvi ad osare provando abbinamenti un tempo definiti azzardati (come il vino rosso col pesce), certo è che alcuni punti fermi restano. Ad esempio nell’attesa che tutti arrivino, oppure nell’attesa di mettersi a tavola, cosa c’è di meglio che qualche stuzzichino abbinato a fresche bollicine come, ad esempio, un Durello DOC dei monti Lessini o una Falanghina del Sannio DOP. Ma per i più tradizionalisti perfetto uno Spumante dell’Oltrepò Pavese. Intanto arriva l’ora della prima portata che potrebbe essere un buon piatto di tagliatelle al ragù d’agnello o abbacchio o, più semplicemente, una buona e tradizionale lasagna. Qui si può scatenare la fantasia ma un Montepulciano d’Abruzzo DOP oppure un Valpolicella Superiore DOC certamente non stonerebbero e sarebbero ottimi per aprire alle seconde portate che, da tradizione, comprendono parecchie carni. E allora perché non avventurarsi nel fantastico mondo dei vini rossi che dal Piemonte alla Sicilia offrono tantissime possibilità di abbinamento e qualità elevata anche a prezzi alla portata di tutti. Oltre al Chianti, che è sempre una garanzia, Morellino di Scansano, Merlot del Veneto, Barbera dei Colli piacentini, Barolo di Monsorì o Cirò Rosso Riserva sono solo alcuni dei nomi da consigliare a occhi chiusi, così come i Supertuscan che si stanno facendo largo nell’apprezzamento generale. Non dimentichiamo il Lambrusco emiliano, non a caso il vino più venduto al mondo. E poi, per la gioia dei più piccini (ma non solo) arriva l’ora dei dolci, e qui le tradizioni italiane sono molteplici quindi sia un Sauternes, uno spumante o un buon Passito, poco importa. Quello che conta è che il vino sia gustato cercando di coglierne le varie peculiarità e, vedrete, il vostro pranzo sarà ancora...

Read More

Il vino toscano si presenta alla carovana del Blues europeo in arrivo a Torrita di Siena

Il vino toscano si presenta alla carovana del Blues europeo in arrivo a Torrita di Siena

Manca ormai un mese esatto al grande evento musicale che porterà nel borgo medievale di Torrita di Siena l’European Blues Challenge, l’evento dedicato alla musica blues più importante di tutta quanta l’Europa. Dopo Berlino, Tolosa, Riga e Bruxelles è la volta dell’Italia ad ospitare il grande raduno che richiamerà in terra toscana musicisti, giornalisti e addetti ai lavori di 21 nazioni europee. Un evento in continua crescita, nato nel 2008 quando a Salsomaggiore Terme, grazie ad un’idea dell’associazione Rootsway di Parma e della rivista Il Blues, si svolse la prima riunione che diede il via a questo carrozzone itinerante che richiama migliaia di appassionati. La candidatura di Torrita è stata approvata dal board dell’associazione che ha sede a Bruxelles grazie alla storia del Torrita Blues Festival e, soprattutto, grazie al territorio che offre veramente tanti spunti e motivi di interesse per i tanti “blues turisti” attratti dalla cultura e dall’enogastronomia toscana. Sarà, quindi, un grande momento per i vini della zona di mettersi in mostra aumentando ulteriormente la propria popolarità nel Vecchio Continente. La zona delle colline senesi è ricca di storia e di qualità, con vini considerati tra i migliori di tutto il mondo, ad iniziare dal Chianti per arrivare ai Supertuscan di recente creazione, in un percorso storico e di sapori che non può lasciare indifferente nessuno. La bellezza dei posti, i colori, i profumi di queste terre sono un richiamo fortissimo e i frutti del duro e sapiente lavoro dei produttori locali di vino considerato arte pura. Sarà una vera celebrazione del Chianti, uno dei primi vini italiani ad ottenere la DOC (Denominazione di Origine Controllata, 1967), del Brunello di Montalcino, ottenuto con le uve di Sangiovese e primo a potersi fregiare della DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita, 1980), del Rosso di Montalcino o del Vino Nobile di Montepulciano, senza dimenticare il Moscadello di Montalcino e la Vernaccia di San Gimignano, tutti vini che il mondo intero ci invidia. Allora cosa c’è di meglio se non abbinare alla grande musica del fantastico...

Read More