Franciacorta, uno degli spumanti preferiti al mondo

C’è poco da fare, quando dici spumante difficilmente non ti viene in mente il Franciacorta. D’altronde la fama che questo prelibato vino spumante italiano si è creata non solo a livello nazionale ma in tutto il mondo compete, possiamo dire alla pari, con lo Champagne d’oltralpe che, forse, nel passato ha saputo solo promuoversi meglio. Oggi che, finalmente, i vari consorzi, ma anche lo Stato, hanno capito l’importanza del vino e della sua corretta promozione i dati delle vendite e dell’esportazione sono in continuo aumento, a testimonianza ulteriore della qualità dei vini italiani. La storia del Franciacorta ci riporta indietro nel tempo, poiché già nel XVI Secolo nella zona collinare tra Brescia e l’estremità meridionale del Lago d’Iseo, si otteneva del vino definito “mordace” e da molto prima anche vini fermi, utilizzati solo per un consumo locale. È solo con la fine degli anni ’50 dello scorso Secolo che si capì la grande potenzialità di questo territorio, perfetto per la spumantizzazione che portò, siamo nel 1967, al riconoscimento della denominazione Franciacorta, voluta da un piccolo gruppo di illuminati produttori. Il Pinot Franciacorta DOC, prodotto con uve di Pinot Bianco – alle quali era possibile aggiungere uve Pinot Grigio ne Pinot Nero – iniziava proprio in quegli anni il suo nuovo cammino verso la notorietà in tutt’Italia prima e nel mondo poi, ampliando le zone di produzione e, soprattutto, migliorando le tecniche produttive, affidandosi a enologi specialisti del settore che seppero valorizzare la qualità del prodotto. Proprio grazie al loro intervento al Pinot venne affiancato il Chardonnay che era in perfetta sintonia col territorio lombardo. Già nel 1983 gli ettari di terreno utilizzati per la vigna passarono dai 50 iniziali ai 550 e venne creato un Consorzio e, negli anni ’90, iniziava l’era contemporanea della Franciacorta e del Franciacorta DOCG. Il Franciacorta Brut DOCG della Selezione Delta del Vino è un Brut a base di uve Chardonnay che viene prodotto con una rifermentazione in bottiglia per un minimo di 18 mesi di affinamento sui lieviti con una elaborazione e maturazione della durata di 25 mesi dalla vendemmia. È un vino dal colore giallo paglierino con riflessi dorati dal fine e persistente perlage che regala al palato il caratteristico bouquet della fermentazione in bottiglia, con sentori di crosta di pane e di lieviti tra i quali spiccano delicate note di agrumi e frutta secca. Un vino leggermente abboccato, fragrante e di facile beva che perfettamente si abbina, servito tra i 6-8°C a qualunque tipologia di cibo, dall’antipasto al dessert. E, allora, in alto i calici e brindiamo con questo Franciacorta Brut DOCG.

Uve
Chardonnay 100%

Sistema di allevamento
Guyot

Vendemmia
Fine agosto, inizi settembre

Vinificazione
Pressatura soffice. Decantazione statica a freddo. Inoculo con lieviti selezionati. Fermentazione di 20 gg in acciaio inox

Maturazione
Affinamento sui lieviti per 20-25 mesi

Gradazione alcolica
da 12,5% vol.

Caratteristiche organolettiche
colore giallo dorato, dal profumo fragrante, fine ed elegante. Sapore leggermente abboccato, fragrante, di facile beva

Abbinamento
Ideale come aperitivo e valorizza in modo particolare qualunque piatto, dall’antipasto al dessert

Temperatura di servizio
6 – 8°C

CONTATTACI PER INFO E ACQUISTI

Contatti
Per tutte le informazioni sulle selezioni Delta del Vino compila la form oppure inviaci una email a: rastelli@deltadelvino.com